Educazione e inquietudine
La manoeuvre formativa

15.00

A partire dalla percezione di spaesamento che attraversa le fenomenologie della vita quotidiana almeno quanto le espressioni della riflessione culturale, l’inquietudine sembra essere diventata una tipicità del nostro tempo. Eppure essa è, innanzitutto, condizione originaria della soggettività e tratto costitutivo di qualsiasi riflessione culturale impegnata a fare i conti con la propria “parte oscura”.

Di qui l’idea che, una volta rimesse a fuoco le forme dell’“inquietudine originaria”, sia possibile riformularne i nessi con l’educazione attraverso le figure dell’io inquieto, della relazione inquieta e della conoscenza inquieta. Ad emergere saranno, quindi, quelle zone marginali del senso che danno forma alla relazione tra soggetto e mondo.

Lungi dall’idea di poter imbrigliare tali luoghi di confine nei territori rassicuranti della codificazione e della standardizzazione culturali, si tenterà, piuttosto, di mostrarne la forza illuminante e le possibilità di senso, rintracciando proprio in quei margini le connotazioni più sfuggenti eppure più significative dell’esperienza soggettiva. Fino a pensare, per il loro tramite, alla manoeuvre formativa come possibile cifra pedagogica dell’esistenza, sia essa intesa nell’accezione simbolica del movimento di torsione verso una nuova direzione, sia essa intesa come “opera della mano”: pratica del mondo che rimodella continuamente i contorni delle soggettività e del conoscere.

 

Il libro Educazione e inquietudine ha vinto il “Premio Italiano di Pedagogia 2018” conferito dalla S.I.PED. (Società Italiana di Pedagogia).

Qui li link al sito del Premio

Qui il link al verbale della giuria

ISBN

Dimensioni

150 mm x 230 mm

Anno di Pubblicazione

Pagine

Autore

Madrussan Elena

Genere

,

Lingua

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Educazione e inquietudine
La manoeuvre formativa”