Critica della ragione negra

Autore: Mbembe Achille

19.00

Il Negro è l’unico essere umano che è stato ridotto a merce: nello scambio economico coloniale, il suo corpo è diventato oggetto di commercio dei bianchi.
Utilizzando deliberatamente il termine “negro” e facendo riferimento a una delle opere più importanti della filosofia occidentale che segna il definitivo passaggio alla modernità, Mbembe si interroga sul razzismo e cerca di capire se, con la fine dell’etnocentrismo europeo, si romperà definitivamente anche quell’immagine del Negro che lo incatena all’identità creata dalla tratta e al pregiudizio riaffermato dal colonialismo e dall’apartheid. Un’immagine che ha condizionato la visione ottocentesca e novecentesca dell’africano. Mbembe è comunque consapevole del fatto che le politiche liberiste e securitarie diffuse in Occidente portano oggi a far emergere nuove forme di razzismo.
L’opera di Mbembe, iconoclasta e critica, fondata su una lettura della filosofia e della letteratura europea e africana, delinea un quadro complessivo che dall’Africa si allarga alla società globale.

 

 

Recensioni:
su economiaitaliana.it

 

 

Genere

Lingua

Collana

Autore

Mbembe Achille

Pagine

Dimensioni

130 mm x 210 mm

Anno di Pubblicazione

ISBN

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Critica della ragione negra”