Via Mala

13.50

Una delle tante storie che l’ebraismo ha prodotto e subìto durante le sue peregrinazioni. Perché l’ebreo appartiene a un popolo migrante, e, anche se gli hanno continuamente tarpato le ali, ha continuato a tornare nei luoghi di provenienza. Stavolta non c’è ritorno, se non per pochi. Si sa, chi migra in ritardo, in piena estate – periodo della deportazione ebraica dall’Ungheria – non ritorna. Bruno, il protagonista di questa storia, si trasferisce a Budapest per continuare i suoi studi e riesce a sfuggire alla deportazione.

Gli ebrei di Budapest sono rinchiusi nel ghetto o nelle case protette di varie Ambasciate, ma vivi; conoscono il futuro, e malgrado questo sperano. Bruno, no. C’è troppo pericolo, non può rimanere a lungo. Ottiene un certificato di nazionalità svedese, ma si tradisce e insieme con la sua donna viene portato al Danubio per l’esecuzione. Lui si salva e finisce in un campo di lavori forzati e, con l’avvicinarsi delle truppe sovietiche, è avviato con altri prigionieri verso Mauthausen.

ISBN

Dimensioni

130 mm x 210 mm

Anno di Pubblicazione

Pagine

Autore

Lukács Alessandro Sándor

Genere

Lingua

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Via Mala”