Relazione su un viaggio a Bruxelles e a Coblenza

Autore: Luigi XVIII

8.00

Nel giugno del 1791, il re di Francia, Luigi XVI fugge da Parigi per sottrarsi alla Rivoluzione e unirsi alle truppe austriache che preparavano l’attacco alla Francia. È uno dei momenti cruciali della Rivoluzione: segna il distacco della monarchia dagli eventi francesi e la fine della possibilità di creare in Francia una monachia costituzionale sul modello inglese. Da quel momento Robespierre e i giacobini scelgono la via repubblicana. La storia è andata così, ma gli eventi sarebbero potuti andare in maniera ben diversa: su un’altra carrozza infatti, insieme al re, era partito da Parigi anche il Delfino di Francia, il fratello del re, Luigi di Borbone. Ma mentre il re decise di deviare per passare in Belgio in prossimità di Varennes, il fratello andò dritto verso Bruxelles. A Varennes, Luigi XVI venne riconosciuto e arrestato, mentre il fratello riuscì a passare il confine: se il re avesse continuato per la stessa strada senza passare per Varennes, forse avrebbe potuto passare il confine e la storia quindi avrebbe avuto uno svolgimento diverso. Nel racconto del fratello, il futuro re di Francia Luigi XVIII, vi èla narrazione dei preparativi e della fuga del re da Parigi.

ISBN

Anno di Pubblicazione

Note
Dimensioni

110 mm x 170 mm

Pagine

Lingua

Autore

Luigi XVIII

Curatore
Traduttore

Antoninetti Olimpia

Genere

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Relazione su un viaggio a Bruxelles e a Coblenza”