Leggere il Discorso sulla disuguaglianza di Rousseau

Autore: Loche Annamaria

9.00

Il Discorso sulla disuguaglianza (1755) è un’opera fondamentale per la filosofia politica moderna. Sono qui peculiari il modo in cui Rousseau si distacca dal giusnaturalismo e dal contrattualismo sei-settecenteschi (che non rinnega, ma interpreta in modo originale), e la narrazione della storia ipotetica dell’origine della società. In questo percorso, Rousseau descrive un uomo allo stato di natura isolato, capace di imitare gli altri animali, ma anche dotato di caratteri specifici (libertà, perfettibilità, passioni). Il “patto” sociale – che nasce per frenare la violenza dello stato di guerra provocato dal sorgere della divisione del lavoro e della proprietà privata –, diversamente dal contrattualismo moderno, non risolve i problemi dello stato di natura, ma determina piuttosto la perdita della libertà e dell’uguaglianza (qualità ineliminabili della natura umana), finendo così per instaurare il dominio dell’uomo sull’uomo.

Autore

Loche Annamaria

Collana

Pagine

Genere

Lingua

Dimensioni

110 mm x 170 mm

Anno di Pubblicazione

ISBN

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leggere il Discorso sulla disuguaglianza di Rousseau”