Come si fa un romanzo

12.00

Scritto in esilio fra il 1925 e il 1927, pubblicato in versione francese e quindi nella ritraduzione spagnola dell’autore, “Come si fa un romanzo” è l’opera più profonda e universale di Miguel de Unamuno (1864-1936), scrittore e pensatore, la cui attività ha segnato la vita intellettuale spagnola ben oltre la sua scomparsa. La problematica esistenzialista, l’angosciato chiedersi “Cosa sarà di me dopo la morte?”, “Come posso persistere?”, si proietta qui nella riflessione sulla creazione letteraria, sullo sdoppiamento fra autore e personaggi, fra scrittore e lettore, e sullo statuto romanzesco dello scrittore, pure lui ente di finzione, creato a capriccio da Dio.

La pagina avvinghia l’esistenza di altri, a partire dal lettore, di ciascun lettore, che viene apostrofato in continuazione, ma anche dai grandi scrittori amati da Unamuno, dall’agiografo a Dante, da Balzac al Mazzini delle lettere d’amore. Il fatto letterario, lo scrivere e – non di meno – il leggere, è cioè proposto come avventura e come lotta per affermare la propria individualità contro il nulla.

L’opera, in prima traduzione italiana, è accompagnata da una prefazione di Giuseppe Mazzocchi, che ricostruisce la storia del libro, inserendolo nel contesto storico e culturale, rappresentando una dettagliata guida alla lettura.

Anno di Pubblicazione

ISBN

Dimensioni

130 mm x 210 mm

Pagine

Lingua

Autore

Unamuno Miguel de

Curatore

Mazzocchi Giuseppe

Genere

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Come si fa un romanzo”