Adolescenze (in)visibili
Sei letture pedagogiche tra rappresentazione e vissuto

Curatore: Madrussan Elena

15.00

Amicizia, colpa, morte, ricerca sono i quattro perni formativi dell’adolescenza più ricorrenti nei saggi che compongono il volume. Lo sono in quanto punti di convergenza provenienti da “oggetti culturali” diversi: dall’impatto delle psicopatologie sulle vite quotidiane di ragazze e ragazzi alle narrazioni letterario-formative di ieri e di oggi (Simone De Beauvoir, Charles Bukowski, Haruki Murakami), dalla rappresentazione cinematografica del deviante nel Free Cinema alle pratiche di ricerca identitaria e di genere nelle fandom communities. Una convergenza che si è creata a posteriori, dunque, rispetto all’esigenza di indagare luoghi e pratiche di sé che possano circoscrivere un campo così complesso e imprendibile come quello dell’adolescenza.
Ne emerge un quadro entro cui il doppio registro di visibilità e invisibilità restituisce la dialettica costitutiva dell’esistenza adolescente. Che si tratti di (in)visibilità ideologiche, sociali, mediatiche, introspettive, della memoria, esse s’intrecciano variamente l’una con l’altra, anche in contesti socialmente e storicamente eterogenei e attraverso linguaggi espressivi differenti. Tanto da poter costituire un fecondo nucleo d’indagine pedagogica.

 

Con contributi di Marta Baravalle, Matteo Cabassi, Gianluca Giachery, Elena Madrussan, Irene Papa e Gianmarco Pinciroli

Collana

Autore

Baravalle Marta, Cabassi Matteo, Papa Irene, Giachery Gianluca, Madrussan Elena, Pinciroli Gianmarco

Genere

,

Lingua

Pagine

Anno di Pubblicazione

ISBN

Dimensioni

150 mm x 230 mm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Adolescenze (in)visibili
Sei letture pedagogiche tra rappresentazione e vissuto”