Dalle lettere familiari alle lettere invettive: Hélisenne de Crenne e la retorica della rivendicazione femminile

Autore: Manca Valentina

1.99

Nel presente articolo, si intende ricostruire il processo di maturazione del discorso femminista ante-litteram condotto dalla scrittrice rinascimentale Hélisenne de Crenne nelle Epistres Familieres et Invectives (1539). Nella prima parte si indaga la scelta della forma epistolare come veicolo ideale alla “presa di parola” pubblica da parte della donna. Successivamente, ci si sofferma sull’analisi dell’esperienza di rielaborazione dell’eloquenza ciceroniana messa in atto dall’autrice. Infine, attraverso l’analisi di alcuni passaggi significativi, si dimostra come la dispositio delle argomentazioni egualitarie di Crenne venga organizzata secondo un movimento ternario, funzionale alla graduale emersione della voce femminile che trionferà nella dialettica della virago delle epistole invettive.

The present article sets out to reconstruct the process of reelaboration of Hélisenne de Crenne’s Épîtres Familières et Invectives (1539). The first part focuses on the epistolary form as an ideal instrument for permitting women of the Renaisance to find a way of expressing themselves. Subsequently, it deals with the way in which this author reelaborated Ciceronian eloquence. Finally, in an analysis of some significant passages, the aim is to show the way in which the dispositio of egalitarian arguments makes use of a ternary structure to ensure the emergence of a woman’s voice which will come to the fore in the virago-based dialectic of the letters of invective.

Dimensioni

170 mm x 240 mm

Anno di Pubblicazione

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Dalle lettere familiari alle lettere invettive: Hélisenne de Crenne e la retorica della rivendicazione femminile”