Ritratto del critico come lettore ‘non satiatus’: in ricordo di Massimo Colesanti

1.99

Il ricordo di Massimo Colesanti ripercorre l’ambito dei suoi studi, da Stendhal a Baudelaire, partendo dal nome di Valery Larbaud. Nel saggio Geronimopoli, questo poeta, narratore e critico, assurge infatti, secondo Colesanti, a autentico patrono della traduzione.

This short essay on Massimo Colesanti is focused on his most important studies, from Stendhal to Baudelaire. Valery Larbaud, a poet, novelist and critic, plays a relevant role in Geronimopoli, as an authentic herald of translation.

AutoriVari

Dimensioni

170 mm x 240 mm

Anno di Pubblicazione

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ritratto del critico come lettore ‘non satiatus’: in ricordo di Massimo Colesanti”