Che mora la morte

16.00

… Carrasco è un vero nemico della morte, come avrebbe voluto Elias Canetti: testimone auricolare della propria vita, combatte il desiderio di morte con il culto della memoria e con una curiosità perennemente inesausta nei confronti delle persone che ha incontrato… Assorbite, non senza reazioni e proteste, la fine delle speranze, e l’involgarimento generale di cultura e politica, ha la forza di rivisitare la propria vita (con il piccolo aiuto di un bicchiere di plastica che nasconde gradazione alcolica e quantità di ciò che si beve…).

Una visita al marmista Titta, sul GRA, e la visione di un cimitero impersonale di sole lapidi in mostra per i clienti, innescano in Carrasco l’immaginazione – incontrando gli altri, ma anche riflettendo sulle proprie esperienze – di poesie alla maniera di Edgar Lee Masters.

Epitaffi che si possono meritare senza dover morire veramente. Incontrando, ricordando, immaginando possibilità non vissute, tra Cecilia, Benedetta, Francesca, Luisa e Laura Carrasco rivive la propria educazione sentimentale. Scrivere gli era impossibile, ma non scrivere (non ricordare) sarebbe stato ancora più doloroso. Come rammaricarsi, del resto, di atti privi di gerarchie emotive, come sono gli atti della vita?. (Renato Nicolini)

ISBN

Dimensioni

130 mm x 210 mm

Anno di Pubblicazione

Pagine

Autore

Correale Giampaolo

Genere

Lingua

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Che mora la morte”