Aquiles en Sciro

18.50

Tra i numerosi poeti e letterati che nella Spagna del XVIII secolo si adoperarono per introdurre il melodramma italiano, il sainetero Ramón de la Cruz è figura di primo piano. Il suo Aquiles en Sciro, rivisitazione dell’Achille in Sciro metastasiano destinata al madrileno Teatro de la Cruz (debuttò nel 1779), è testo rappresentativo della ricezione ispanizzante delle óperas italiane. Se il rapporto con i libretti originali comportava inevitabilmente influenze formali e linguistiche, è importante sottolineare come nell’Aquiles il testo-modello finisca per essere riversato nella tradizione della comedia (barocca) e della zarzuela. Fenomeno che già si era prodotto nella prima parte del secolo, e che qui si manifesta, per esempio, nella riorganizzazione delle scene, nell’adozione dell’octosílabo come metro predominante, nel drastico taglio delle arie e delle parti musicate, nella ricerca di uno stile tutto sommato calderoniano; ma, soprattutto, grazie a un procedere che è di traduzione e adattamento testuale insieme. È questa la prima edizione critica dell’Aquiles en Sciro, condotta sul manoscritto autografo conservato alla Biblioteca Municipal di Madrid, e accompagnata da un attento studio della tecnica traduttoria di Cruz, che esamina, oltre agli aspetti poetici, metrici e linguistici, anche i risvolti musicologici. Andrea Baldissera è professore associato di Lingua Spagnola presso l’Università del Piemonte Orientale. Si è occupato di letteratura spagnola medievale, umanistica e moderna, in studi di taglio filologico e di interesse traduttologico. Ha preparato l’edizione critica del Por Marcelo di Alonso de Cartagena, e del Libro de los exemplos por A.B.C. La sua traduzione del Cantare del Cid ha ottenuto diversi riconoscimenti.

ISBN

Anno di Pubblicazione

Note
Dimensioni

170 mm x 240 mm

Pagine

Lingua

Autore

de la Cruz Ramón

Curatore

Baldissera Andrea

Traduttore
Genere

,

Collana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Aquiles en Sciro”