Il rapporto pedagogia/architettura per una scuola aperta, dal secondo dopoguerra agli anni Settanta

Autore: Pironi Tiziana

preview

 

ATTENZIONE, solo versione digitale: file pdf non stampabile né modificabile.

1.99

Il presente articolo intende dimostrare come in momenti cruciali di cambiamento della società italiana, in particolare nell’immediato secondo dopoguerra e nel corso degli anni Sessanta, si avverta la necessità di avviare un ripensamento dell’edificio scolastico tradizionale, con l’obiettivo di realizzare una scuola aperta e comunitaria. Si tratta di un’istanza su cui convergono architetti, urbanisti e pedagogisti, che daranno vita anche a significative collaborazioni, a partire dalla realizzazione del Villaggio Italo-Svizzero di Rimini nell’aprile del 1946, che sarà considerato un punto di riferimento negli anni successivi per la considerazione di una scuola quale centro di sviluppo e di promozione umana e sociale. Architettura educatrice sarà il leitmotiv che anima il dibattito che si snoda tra periodici e convegni – come vedremo – in vista di un rinnovamento educativo a partire dalla scuola dell’infanzia fino alla scuola media unica.

Parole chiave: Scuola/caserma; architettura; pedagogia comunitaria.

This post is also available in: Inglese

Anno di Pubblicazione

Dimensioni

145 mm x 210 mm

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il rapporto pedagogia/architettura per una scuola aperta, dal secondo dopoguerra agli anni Settanta”